Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Coppa del Mondo: Avviso sui lavoratori migranti da HRW al Qatar

 

Human Rights Watch ha esortato la FIFA e le autorità del Qatar a ricevere l’intero salario e benefici per i lavoratori migranti che hanno reso possibile la Coppa del Mondo maschile del Qatar del 2022 e non essere espulsi per aver partecipato alle proteste.
Tra aprile e settembre 2022, Human Rights Watch ha intervistato 32 lavoratori migranti provenienti da India, Kenya e Nepal che avevano partecipato o stavano pianificando scioperi recentemente banditi in Qatar.
Molti lavoratori migranti hanno detto a Human Rights Watch di aver scioperato per protestare contro il mancato pagamento dei salari da parte dei datori di lavoro in tempo, a volte per mesi. Altri lavoratori con visto di breve durata si sono uniti allo sciopero dopo che le aziende hanno dichiarato che li avrebbero rimandati a casa prima della scadenza del loro contratto di due anni.
Un lavoratore migrante ha detto di essere stato detenuto insieme a un gruppo di altri manifestanti il ​​14 agosto e di essere stato deportato 20 giorni dopo.
Le autorità del Qatar hanno confermato di aver arrestato i lavoratori che hanno partecipato allo sciopero del 14 agosto per “violazione delle leggi sulla sicurezza pubblica del Qatar” e hanno fornito il loro “rimpatrio volontario”, e hanno affermato che stavano intraprendendo azioni legali contro le due società per uso improprio dei loro salari.

“Gli scioperi e le proteste dei lavoratori migranti in Qatar sono un atto di disperazione da parte dei lavoratori che chiedono un’azione contro gli abusi salariali”, ha affermato Michael Page, vicedirettore per il Medio Oriente di Human Rights Watch. “Con l’arrivo delle settimane di Coppa del Mondo, in particolare con i lavori di costruzione in Qatar in calo o temporaneamente sospesi, la FIFA e le autorità del Qatar devono garantire che gli stipendi e i benefici dei lavoratori siano pagati in tempo e per intero, piuttosto che punirli per aver rivendicato i loro diritti”, ha aggiunto. 

Organizzazioni per i diritti umani hanno riferito che il governo del Qatar ha deportato almeno 60 lavoratori migranti ad agosto per aver protestato. In una risposta scritta alle domande di Human Rights Watch su questo argomento il 18 settembre, il Ministero del Lavoro del Qatar ha dichiarato che i lavoratori sono stati arrestati durante lo sciopero del 14 agosto per “violazione delle leggi di pubblica sicurezza del Qatar”, ma che non sono stati perseguiti e che non sono stati ha negato salari e benefici. Ha affermato che il governo “ha facilitato il rimpatrio volontario” di alcuni lavoratori dopo che il ministero è stato pagato attraverso il Fondo di sostegno e assicurazione ai lavoratori.

CUB © 2022. Tutti i diritti riservati.