Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

Presidio di Cub Campania presso il Consolato Spagnolo di Napoli

 

I diversi settori popolari e in particolare la classe operaia hanno subito le conseguenze più pesanti della nuova crisi nelle nostre società europee: Aumento inarrestabile dell’inflazione, svaluta degli stipendi e riduzione del potere d’acquisto, posti di lavoro a rischio e minacce di nuove politiche di austerità, energia compresa.
Tutto questo si concretizza in scioperi e azioni di denuncia che attraversano l’Europa: Alla fine del mese scorso abbiamo partecipato a una call in Francia e il 15 ottobre ci sarà una manifestazione a Madrid chiamata da vari enti per denunciare lo sviluppo di una situazione che minaccia di aumentare ulteriormente le gravi disuguaglianze sociali esistenti.
I sindacati di base e conflittuali francesi e italiani si sono uniti a quelli spagnoli, per sostenerli e per chiedere insieme l’aumento dei salari e il sostegno della resistenza non governativa ucraina, nel caso dei sindacati francesi, e mobilitarsi contro la Guerra e l’economia di guerra, nel caso dei sindacati italiani,  che il prossimo 2 dicembre scenderanno in piazza in tutta Italia.

Cub Campania insiste nel denunciare questa situazione, nel tentativo di coordinare una risposta europea a una crisi che ci tocca in egual modo sia che siamo di un Paese o di un altro. 
Il presidio presso il consolato spagnolo di Napoli di giovedì 13 ottobre (foto).

CUB © 2022. Tutti i diritti riservati.